Affrontare il cambiamento nello sport

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Affrontare il cambiamento nello sport Torino performance passaggio di categoria mental training crisi   Si dice che l’unica cosa certa nella vita sia il cambiamento. Il cambiamento può essere definito come “un atto o processo attraverso il quale qualcosa diventa diverso ‘. Nello sport, gli atleti subiscono molti cambiamenti e “periodi di transizione“. 

I “cambiamenti” nella vita di uno sportivo

Per gli atleti che desiderano praticare sport ad alto livello, è fondamentale affrontare ed essere flessibili ai cambiamenti. Wylleman e Lavallee (2004) propongono quattro fasi di transizione che un atleta sperimenta per tutta la vita, per quanto riguarda:

  • Carriera atletica (ad es. Inizio di uno sport, infortunio, ritiro dalla carriera sportiva).
  • Sviluppo psicologico (ad es. Passaggio dall’adolescenza all’età adulta, dal gioco ricreativo alla competizione).
  • Sviluppo sociale (ad es. Adattamento a un nuovo allenatore, nuovi compagni di squadra).
  • Sviluppo educativo e professionale (ad es., Passaggio dal principiante al professionista, dal college all’università).
Come affrontare i cambiamenti in modo positivo?

Il successo attraverso ogni fase di transizione è determinato da differenze individuali, in relazione al modo in cui il soggetto è in grado di cambiare e affrontare i problemi che sorgono.
Ad esempio, un giocatore può avere difficoltà a giocare con un nuovo allenatore, mentre un altro può apprezzare e trarre beneficio in questa esperienza. Gli individui che traggono benefici dal cambiamento tendono ad essere ottimisti e vedono il cambiamento come una nuova sfida e un’opportunità da raggiungere. D’altra parte, coloro che sono pessimisti nei confronti del cambiamento o che si sentono cauti nei confronti del cambiamento, possono avere difficoltà ad adattarsi in questi periodi di transizione. La scarsa consapevolezza e la mancanza di capacità di far fronte e adattarsi al nuovo contesto, possono provocare sentimenti di ansia e disagio (Alfermann e Stambulova, 2007).

Il superamento positivo di un periodo di transizione si verifica quando l’atleta ha effettuato un adeguamento relativamente rapido e semplice alle esigenze richieste dal nuovo status. Di solito si verifica più facilmente nei casi in cui sono stati creati i presupposti necessari durante le fasi precedenti (ad esempio solide conoscenze e abilità sportive, attitudini personali al cambiamento, ecc.)
Le “crisi” hanno luogo, invece, quando l’atleta deve mobilitare “risorse speciali” e un certo sforzo di auto-miglioramento, necessario per adattarsi ai nuovi requisiti.

Alcuni segnali ci possono far intuire che l’atleta stia vivendo un momento di incapacità di adattamento:

  • abbassamento dell’autostima dell’atleta;
  • varie forme di disagio emotivo;
  • aumento della sensibilità ai fallimenti e alle critiche;
  • comparsa di “barriere psicologiche”;
  • disorientamento nel processo decisionale e nel comportamento.

Inoltre, questi sintomi generalmente correlano con una diminuzione dei risultati sportivi dell’atleta che performa al di sotto delle sue normali potenzialità.
Ciò supporta le famose parole di Arnold Bennet, che una volta disse che “qualsiasi cambiamento, anche un cambiamento in meglio, è sempre accompagnato da inconvenienti e disagi “.

Le fasi del cambiamento

Si pensa che ci siano cinque fasi che attraversiamo quando affrontiamo un cambiamento, e mentre attraversiamo queste fasi si pensa che siamo progressivamente desensibilizzati dal cambiamento stesso (Zutphen, 2008). Le cinque fasi consistono di:

  1. Negazione: la lotta iniziale contro la nuova proposta di cambiamento;
  2. Rabbia: la sensazione di insicurezza e frustrazione contro il cambiamento;
  3. Depressione: lo stato depressivo che un individuo sente quando riconosce che si verificherà un cambiamento;
  4. Accettazione: sapere che il cambiamento avverrà e prepararsi per esso.
  5.  Apprendimento: riflettere sull’idea che il cambiamento può essere utile per le prestazioni e può portare dei benefici.

Molte persone temono il cambiamento e l’inconsapevolezza del futuro. Questa paura stimola convinzioni pessimistiche sulla possibilità di risultato, a causa spesso di preconcetti del tipo: “Abbiamo sempre fatto così e funzionava: come mai cambiare?”. (Cao, Han, Hirshleifer e Zhang, 2011).
Per quanto riguarda lo sport, un esempio di questa paura del cambiamento potrebbe verificarsi nel passaggio ad una squadra diversa oppure nel passaggio in una categoria superiore.

Il passaggio verso le massime categorie: un momento di transizione importante

Il passaggio al più alto livello di sport agonistico richiede che gli atleti performino costantemente al massimo delle loro capacità, il più a lungo possibile. Gli atleti devono quindi prepararsi ad un periodo della loro vita in cui il coinvolgimento nella preparazione, nella partecipazione ad allenamenti e alle competizioni di alto livello è pressoché totale. Questo aspetto è ancor più “critico” nelle realtà semi-professionistiche. Con il termine semiprofessionismo nello sport si intende una “condizione in cui gli atleti sono vincolati ad un contratto con una società sportiva ma sono liberi di svolgere un’altra attività” (Diz. Italiano Sabatini Colletti). In realtà, la libertà di svolgere un’altra attività è spesso una necessità in quanto i proventi derivanti dalla pratica sportiva non sono sufficienti al sostentamento individuale. Questo necessariamente comporta un livello di sacrificio ulteriore per cercare di far “quadrare” i conti nella propria vita. Se avete piacere di esplorare il mondo psicologico dello sport semi-professionistico, vi invitiamo a leggere un articolo scritto da noi in merito.

L’insicurezza deriva da questo cambiamento e può stimolare la rabbia e la frustrazione, che alla fine possono essere dannose per le prestazioni di un atleta. D’altra parte, accettare il cambiamento e riconoscere che il cambiamento può essere benefico può portare a una transizione positiva e ad un aumento generale della fiducia in se stessi. 

Per concludere, il cambiamento è un avvenimento naturale nella vita che tutti sperimentano, che ne siano consapevolmente consapevoli o meno. Gli atleti possono sperimentare molti cambiamenti durante la loro carriera, sia pianificati, come un cambio di club, sia non pianificati, come un infortunio. Ma solo cambiando, possiamo crescere e possiamo evolvere!

La sera prima di gara 5 della finale, Michael Jordan mangiò una pizza e si beccò una intossicazione alimentare. Volle scendere ugualmente in campo e segnò 40 punti. È questo il doping del campione vero: la voglia di giocare.
(Spike Lee)

 

Bibliografia:
  • Alfermann, D., & Stambulova, N. (2007). Career transitions and career termination. Handbook of Sport Psychology, Third Edition, 712-733.
  • Cao, H. H., Han, B., Hirshleifer, D., & Zhang, H. H. (2011). Fear of the Unknown: Familiarity and Economic Decisions*. Review of Finance, 15(1), 173-206.
  • Schlossberg, N. K. (1981). Major contributions. Counseling Psychologist, 9(2), 2-15.
  • Wylleman, P., Alfermann, D., & Lavallee, D. (2004). Career transitions in sport: European perspectives. Psychology of sport and exercise, 5(1), 7-20.
  • Zutphen, G. (2008). It starts with one: changing individuals changes organisations. Available: http://knowledge.insead.edu/operations-management/changing-individuals-changes-organisations-2086. Last accessed 20th May 2014.

 

Articolo tradotto e ampliato da: https://believeperform.com/change-and-transitional-periods-in-sport/
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: