Azienda - Case Histories

Incrementare l’impegno

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Incrementare l'impegno Torino psicologia del lavoro psicologia aziendale outdoor training formazione esperienziale formazione aziendale

Obiettivo formativo:BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Incrementare l'impegno Torino psicologia del lavoro psicologia aziendale outdoor training formazione esperienziale formazione aziendale
L’impegno profuso verso il raggiungimento di un obiettivo è determinato da numerose variabili psicologiche, oltre che da caratteristiche individuali di personalità. Dal punto di vista psicologico la qualità e la quantità di impegno investito per il raggiungimento di uno scopo è sicuramente legato alle spinte motivazionali, alla resilienza personale, allo stile di attribuzione causale, al senso di autoefficacia, alla tolleranza alla frustrazione e alla resistenza alla fatica.
A tutti è capitato di sentirsi dire: “Basta impegnarsi di più se vuoi raggiungere risultati!”. Questo è sicuramente vero, però per potersi impegnare di più è necessario conoscere e sviluppare alcune competenze psicologiche importanti.

Come lo abbiamo sviluppato:
Per  condurre i gruppi in un training con le finalità che abbiamo sopra descritto, abbiamo proposto un’attività outdoor invernale basata sui principi dell’alpinismo.
Il team si è trasformato in un team di soccorso alpino che è stato sottoposto a diverse prove fisiche, ciascuna delle quali richiamante diverse attività che vengono svolte da chi pratica alpinismo.

Il progetto prevede:

  • un prework che introduca il gruppo all’ambiente alpino e al concetto di imprevisto;
  • consegna dell’obiettivo della spedizione: trovare un disperso sotto un valanga;
  • equipaggiamento per la salita (ciaspole o sci da alpinismo);
  • diverse prove fisiche lungo il percorso per evidenziare alcuni aspetti del teamwork (gestione degli imprevisti, comunicazione, aiuto, resilienza, tolleranza alla frustrazione, organizzazione e strategia);
  • ricerca del disperso con apparecchiature ARVA;
  • costruzione della lettiga per il trasporto del ferito fino a valle;
  • possibilità di sosta e costruzione di un riparo per il ferito (la truna);
  • discesa a valle e de-briefing finale;
  • strategie per incrementare l’impegno per il raggiungimento di obiettivi aziendali;
  • carry-over dall’alpinismo all’azienda.

L’attività outdoor è di media/alta intensità fisica e conduce i partecipanti nella scoperta di alcuni aspetti fondamentali dell’alpinismo moderno.
Il lavoro di squadra, la resistenza alla fatica, l’organizzazione, la fiducia, l’aiuto reciproco e la strategia sono elementi fondamentali quando si è chiamati ad agire in alta quota in condizioni estreme.
Un’esperienza alpina di questo genere permette ai partecipanti di osservare i propri limiti, le proprie reazioni allo stress, la gestione dell’imprevisto e percepire il proprio senso di autoefficacia.
Ciascun partecipante sarà poi guidato nel riconoscere queste caratteristiche attraverso le riprese video e ad osservare le analogie con il proprio comportamento aziendale.
Il progetto può essere implementato con sessioni di coaching individuale e/o di gruppo per incrementare le aree di miglioramento sperimentate durante l’esperienza outdoor.

Guarda il video dell’esperienza

Sviluppo autoefficacia

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Sviluppo autoefficacia Torino psicologia del lavoro psicologia aziendale outdoor training formazione esperienziale formazione aziendale consulenza aziendale autoefficacia

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Sviluppo autoefficacia Torino psicologia del lavoro psicologia aziendale outdoor training formazione esperienziale formazione aziendale consulenza aziendale autoefficacia   Obiettivo formativo:
Il concetto di autoefficacia, ossia la percezione individuale di quanto mi sento capace nell’eseguire un determinato compito, è un aspetto molto importante della psicologia umana. Numerosi studi hanno evidenziato come questa competenza mentale sia collegata al livello di performance. Bassi livelli di autoefficacia si traducono in scarso impegno verso l’obiettivo, scarsa motivazione e basso rendimento. Vi rende conto quindi di quanto sia importante, all’interno di un’azienda, curare anche questo aspetto.

Come lo abbiamo realizzato:
Una delle nostre proposte ideate per incrementare il senso di autoefficacia personale si sviluppa all’interno di un parco avventure, ove i partecipanti possono mettersi alla prova in un percorso su corde alte sospese fra gli alberi.
Questa attività è particolarmente adatta all’obiettivo formativo in quanto va a stimolare alcuni processi mentali quali: concentrazione, gestione dell’ansia, riconoscimento delle proprie abilità, resilienza, gestione dell’imprevisto.

Il progetto prevede diverse fasi di lavoro:

  • un prework che introduce al tema dell’autoefficacia da realizzarsi prima dell’evento;
  • un briefing psicologico all’inizio dell’attività;
  • un briefing tecnico, dove i partecipanti vengono istruiti all’uso delle carrucole e delle misure di sicurezza;
  • ricognizione del percorso e prima autovalutazione personale sulle proprie convinzioni di efficacia;
  • 1 prova: esperienza a 2 metri di altezza;
  • autovalutazione personale sui cambiamenti nel senso di autoefficacia;
  • 2 prova: esperienza a 10 metri di altezza;
  • autovalutazione personale sui cambiamenti nel senso di autoefficacia e acquisizione di strategie per incrementare la fiducia personale;
  • 3 prova: esperienza a 18 metri di altezza;
  • ultima autovalutazione personale e profilo della performance;
  • de-briefing finale con riprese video e riflessioni sul ruolo dell’autoefficacia;
  • strategie per implementare il senso di autoefficacia;
  • carry-over

L’obiettivo formativo si sviluppa attraverso una modalità esperienziale in cui i partecipanti sono invitati ad intraprendere un’attività apparentemente banale che porta spesso a sopravvalutare la propria efficacia. Lo svolgimento dell’esperienza mostra tutti i limiti di questa sopravvalutazione e conduce il partecipante a riflettere (con l’aiuto delle autovalutazioni durante le varie prove) su quali sono i fattori che incidono, positivamente o negativamente, sul proprio senso di autoefficacia personale.
I trainer forniscono durante l’attività alcune strategie per la gestione di alcuni aspetti “invalidanti” il senso di autoefficacia, come ad esempio la modifica del linguaggio interno e il controllo dell’attivazione psicofisiologica. L’attività termina con il de-briefing in cui i partecipanti rivivono l’esperienza attraverso delle registrazioni video e iniziano a collegare gli aspetti vissuti con la loro quotidianità professionale.
La sviluppo di questo progetto prevede delle sessioni di coaching individuale o di gruppo per implementare le strategie di potenziamenteo dell’autoefficacia personale e collettiva.

Guarda il video dell’esperienza