Ipnosi e termoregolazione corporea

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Ipnosi e termoregolazione corporea termoregolazione sport invernali mani ipnosi sportiva ipnosi gladys bounous freddo   Introduzione
L’effetto delle tecniche ipnotiche sulla termoregolazione corporea è stato relativamente poco studiato anche se da tempo è nota l’efficacia delle strategie mentali sulla regolazione della temperatura periferica (van Quekeberghe, 1995; Ikemi et al, 1988). Piedmont (1981, 1983) correlò il livello di suscettibilità ipnotica con la capacità termoregolazione, evidenziando una maggior capacità, nei soggetti altamente suscettibili, di mantenere bassi livelli di temperatura periferica. L’efficacia delle suggestioni ipnotiche nella termoregolazione, rispetto a suggestioni pseudo-ipnotiche e non suggestioni, è stata valutata da Bregman e McAllister (1981). Nel 1984, Raynaud (Raynaud et al) osservò l’incremento della temperatura rettale e cutanea in soggetti sottoposti ad induzione ipnotica aspecifica e specifica (con suggestione di caldo) con differenze significative a favore del secondo tipo. Successivamente, Stetter (1985) evidenziò come i soggetti sottoposti a training autogeno manifestassero un innalzamento della temperatura corporea rispetto al gruppo di controllo. Ovviamente l’interesse nei confronti della capacità di gestire i processi omeotermici è particolarmente sentito in ambito sportivo per l’applicabilità che questa risorsa può avere rispetto alla performance (Mittleman et al, 1992;

Ciò che ci interessa esaminare in questo lavoro di tesi è l’efficacia dello strumento ipnotico nella modificazione della velocità di recupero della temperatura corporea.

L’ipotesi che si intende vagliare è che l’utilizzo di tecniche ipnotiche favorisca il miglioramento della regolazione dell’omeostasi termica, accelerando i tempi di recupero in seguito ad esposizione a fonte fredda.

Metodo

Procedura
Il campione è stato sottoposto a due misurazioni, effettuate in momenti temporali differenti, ad almeno 24 ore di distanza. Durante la prima rilevazione è stata monitorata la temperatura periferica della mano non dominante e il tempo di recupero della temperatura basale dopo l’abbassamento artificiale tramite accumulatori di freddo dal peso di 500 gr.

  • Ogni rilevazione è stata suddivisa in cinque momenti:
  • Acclimatamento alla temperatura della stanza mantenuta costante a 24°;
  • Accoglienza in cui si cerca, mediante colloquio, di tranquillizzare i soggetti in quanto stati di ansia o tensione contribuiscono all’abbassamento della temperatura, dettato da attivazione del sistema nervoso simpatico.
  • Misurazione della temperatura media della mano non dominante; rilevata dopo 1′ di stabilizzazione della temperatura su un valore costante.
  • Raffreddamento della mano fino a stabilizzazione della temperatura sul valore minimo costante per 30” o con accenno alla risalita.
  • Recupero della temperatura di baseline, con e senza l’aiuto di induzione ipnotica, fino a stabilizzazione per 30”.

Nella prima rilevazione, il recupero della temperatura è avvenuto in stato di veglia attiva: i soggetti cioè sono stati intrattenuti in una semplice conversazione con lo sperimentatore su argomenti a valenza emotiva neutra.

Durante la seconda rilevazione i soggetti sono stati guidati nel recupero della temperatura basale con un’induzione ipnotica basata sul monoideismo del calore. E’ stato chiesto ai soggetti in fase pre-sperimentale di visualizzare una fonte di calore, mantenendosi appositamente sul generico per permettere a ciascuno di selezionare l’immagine più consona per sé. Le immagini selezionata sono state: stufa a legna, caminetto, stufa in ghisa.

Strumenti di misurazione
Il primo strumento utilizzato è stato una scala di autovalutazione circa le abilità ipnotiche dei soggetti coinvolti nel campione.

Ai soggetti è stato chiesto di valutare le proprie competenze ipnotiche, intese come conoscenza e capacità applicativa delle tecniche ipnotiche, su una scala che va da 0 a 100. In seguito è stata compilata per ogni soggetto una scheda anagrafica in cui si richiede:

  • età
  • titolo di studio
  • professione
  • frequenza a formazioni ipnotiche
  • utilizzo regolare dello strumento ipnotico su se stessi (espresso in frequenza mensile)
  • utilizzo regolare dello strumento ipnotico su altre persone (espressa in frequenza mensile)
  • sensibilità agli agenti atmosferici e ai cambiamenti metereologici

La rilevazione della temperatura cutanea è stata registrata attraverso l’apparecchiatura di biofeedback BioGraph Infiniti (http://www.thoughttechnology.com).

Analisi e risultati
La prima misurazione (in stato di veglia attiva) mostra come i soggetti impieghino in media 166 secondi per recuperare un grado centigrado. partendo da una temperatura iniziale media di 32,59° e raggiungendo una temperatura minima di 27,33°.

Il tempo di recupero espresso in secondi ha una deviazione standard pari a 61,95, il che significa che vi è una forte variabilità individuale nel recupero termocorporeo, in stato di veglia attiva.

Questa variabilità può essere dettata da differenti fattori. Si è osservato che i soggetti che manifestavano maggior ansietà o stati di tensione avevano un recupero fisiologico più lento rispetto agli altri soggetti.

I risultati della seconda prova, in stato di trance ipnotica, confermano l’ipotesi principale dello studio evidenziando una diminuzione del tempo di recupero omeotermico (67 secondi per grado centigrado), suggerendo così che l’ipnosi sia uno strumento capace di accelerare i processi di adattamento corporeo in seguito a cambiamenti ambientali.

Ulteriori analisi statistiche sono in corso perché, ad una prima analisi superficiale, sembra esserci una differenza nei tempi di recupero tra soggetti con formazione ipnotica e soggetti senza formazione ipnotica. La cosa interessante è che pare che questi ultimi abbiamo una maggiore facilità di recupero termico in stato di trance rispetto a soggetti apparentemente più allenati alle tecniche ipnotiche.

Conclusione
L’interesse è ovviamente dato dall’applicabilità pratica di questo dato per quanto riguarda gli studi sul miglioramento della connessione mente-corpo-ambiente in soggetti sottoposti a rapide variazioni di temperatura ambientale, come ad esempio gli atleti di sport outdoor.

Inoltre, il miglioramento della capacità di adattamento al cambiamento delle variabili atmosferiche (come ad esempio la temperatura) è parte centrale degli studi inerenti lemeteoropatie, che possono riguardare numerosi soggetti, anche non sportivi.

Gli studi in merito evidenziano che la meteoropatia è una condizione nella quale si rileva un rallentamento dell’omotermia, rispetto ai valori di norma. (Solimene, 2000)

In condizioni di normalità, le tecniche ipnotiche possono essere efficacemente utilizzate per favorire la connessione mente-corpo-ambiente, con conseguenterapido adattamento alle condizioni atmosferiche esterne.

La variabile analizzata in questo studio è la temperatura, ma possiamo ipotizzare un’azione efficace anche sull’azione di altre variabili ambientali come (pressione, umidità, ecc.)

Questo aspetto (l’efficace connessione mente-corpo-ambiente), come già detto in precedenza, è fondamentale per gli sportivi che praticano attività outdoor e che costantemente devono aiutare il proprio organismo ad adattarsi alle circostanze ambientali esterne.

 

Se desiderate ricevere una copia dell’articolo completa di tabelle, contattateci.

 

Bibliografia

U.Solimene, A.Brugnoli, Meteorologia e Climatologia Medica Tempo, Clima e Salute, (ed. Mediamed, Milano, 2000)

U. Solimene, A. Brugnoli, E. Minelli, Meteoropatie – Le condizioni atmosferiche che influiscono sulla salute e sull’umore.

Muck-Weyman, et al, “The influence of hypnoid relaxation on the hypothalamic control of thermoregualtory cutaneous blood flow”, Micorvasc Res, 1997, PMID: 9327390

Raynaud J, et al, “Changes in rectal and mena skin temperature in response to suggested heat during hypnosis in man”, Psysiol Behaviour, 1984, PMID: 6505063

Piedmont RL, “Relationship between hypnotic susceptibility and thermal regulation: new directions for research” Percept Mot Skills, 1983

Piedmont RL, “Effects of hypnosisi and biofeedback upon the regulation of peripheral skin temperature”, Percept Mot Skills, 1981

Bregman NJ, McAllister HA, “Effects of suggestion on increasing or decreasing skin temperature control”, Int J Neuroscience 1981

Van Quekelberghe R, “Strategies for autoregulation of peripheral skin temperature” Percept Mot Skills, 1995

Mittleman KD, Doubt TJ, Gravitz MA, “Influence of self-induced hypnosisi on tehrla responses during immersion in 25 degrees C water”, Aviat Space Environ Med, 1992

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: