Tag: Torino

La preparazione mentale nell’arrampicata sportiva

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance La preparazione mentale nell'arrampicata sportiva Torino scalata psicologia sportiva psicologia dello sport climbing cai arrampicata sportiva arrampicata alpinismo allenamento mentale

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance La preparazione mentale nell'arrampicata sportiva Torino scalata psicologia sportiva psicologia dello sport climbing cai arrampicata sportiva arrampicata alpinismo allenamento mentale   L’arrampicata sportiva è sicuramente uno degli sport che ci appassionano maggiormente e da molti anni ci occupiamo della preparazione mentale in questa particolare disciplina. L’arrampicata può essere esaltante, eccitante, avvincente e avventurosa. A volte può anche generare pure e dubbi, non solo per chi è all’inizio di questa pratica sportiva. Questa ansia, naturalmente, provoca tensioni mentali, emotive e muscolari e questo causa problemi agli scalatori. Gli alpinisti si bloccano, usano troppa energia muscolare, si muovono troppo velocemente e impulsivamente, prendono decisioni sbagliate, perdono l’equilibrio e la coordinazione e hanno difficoltà a mantenere la concentrazione. Perdono il coraggio di salire, o di prendere rischi calcolati e perdono il divertimento di quello che un tempo era uno sport divertente e stimolante. Ma c’è speranza per quegli scalatori che cadono vittima di paura, dubbio, sovraffollamento e indecisione!

Ripensa all’ultima volta che hai scalato. Perché sei caduto? Eri così eccitato che non potevi resistere e ti sei mosso impulsivamente? Avevi paura di cadere, quindi ti sei semplicemente seduto sulla corda? O eri talmente preoccupato per il tuo tentativi precedenti falliti che non ci hai nemmeno provato? Se la seconda e la terza situazione ti sembrano familiari, non sei il solo. Anni di esperienza personale di arrampicata, innumerevoli indagini sugli scalatori e ricerche psicologiche puntano tutti alla forza mentale come fattore più influente nel successo o meno di uno scalatore. Il tuo corpo potrebbe essere forte e disponibile, ma se non hai una mente ugualmente forte e volenterosa, il tuo corpo non ha nulla a guidarlo. La buona notizia è che puoi allenare la tua mente come alleni il tuo corpo.

Alcune tecniche che fanno parte della preparazione mentale degli scalatori

  • Governare le zone temporali della nostra mente: la capacità di rimanere focalizzati nel momento in cui è necessario è ciò che contraddistingue tutti i grandi atleti e artisti. Questo è ancora più importante quando sono presenti la paura e il dubbio. La nostra mente può focalizzarsi su tre “zone temporali”: il passato, il presente e il futuro.
    Tutte e tre queste zone possono essere valide e possono essere utili, a seconda di ciò che si desidera realizzare. Un buon uso della zona del passato è, per esempio, la revisione di una performance o il richiamo di una grande mossa o esperienza passata al fine di innescare una mossa attuale.  Un utilizzo utile della zona del futuro è quello di rivedere un piano di azione, di creare piani di emergenza per gestire i problemi, di immaginare se stessi riuscendo a superare un passaggio difficile. Il problema con la zona del passato è che è depositario di rimpianti e rabbia per le opportunità o gli errori mancati. Il problema con la zona del futuro è che la nostra mente ingrandisce gli eventi quando ha paura, dubita o si concentra su un risultato negativo. Mentre sali puoi usare a tuo favore le zone del passato e del futuro per individuare la mossa più idonea. Ma una volta che hai deciso  una presa o una posizione dei piedi devi avere la capacità di rimanere focalizzato nella zona presente. Il “qui ed ora” è il luogo che ti offre i più alti livelli di consapevolezza e vigilanza e ti consente di apportare modifiche in tempo reale alle tue prestazioni. Puoi aiutarti con una visualizzazione mentale della “luce verde”. Quando sei nel presente il tuo semaforo mentale si illumina di verde e puoi agire. Quando ti rendi conto che la tua mente è ancora in una zona del passato o del futuro il semaforo ti segnalerà un’allerta o uno stop illuminandosi di giallo o di rosso.
    Essere nel presente vuol dire essere consapevoli delle sensazioni che il tuo corpo di trasmette. E’ basato sui sensi. La tua mente è chiara e relativamente vuota di pensieri. I tuoi muscoli sono vigili, ma rilassati e le tue emozioni sono chiare, non apprensive. Questo gruppo di sensazioni segnala che sei nel “qui ed ora”, hai la luce verde e che puoi fare una mossa.
  • La tecnica delle “3 R”: puoi aiutarti nella tua scalata puoi anche usare la tecnica chiamata “le tre R” tra le mosse. I tre R stanno per Revisione, Rilascio e Reset. Dopo una mossa, valuta brevemente, per tre o cinque secondi, la mossa che hai fatto. Ti è piaciuta? È solida? Sei in buona posizione? Quindi, rilascia quel pensiero e ogni emozione dietro di esso. Infine, ripristina la tua mente, il corpo e le emozioni e ottieni la luce verde in modo da poter fare la tua prossima mossa. Questo è tutto. Semplice. Ma il problema è che è così semplice che gli scalatori spesso dimenticano di farlo.
  • La respirazione di “attacco”: l’obiettivo, come abbiamo imparato, è quello di entrare in contatto con il momento presente e ottenere la luce verde in modo da poter rendere la tua mossa di qualità. Una tecnica semplice e utile è chiamata respirazione di “attacco”. Quello devi fare è espirare una piccola boccata d’aria ogni volta che inizi la tua mossa. Il volume d’aria non deve essere affatto grande. Basta fare l’espirazione e continuare fino a quando non si posiziona la mano o il piede. L’espirazione ti tiene concentrato su ciò che stai facendo in quel momento, quindi la tua mente non può girovagare. Inoltre, ti impedisce di tirarti indietro trattenendo accidentalmente il respiro. Continua a espirare con ogni mossa successiva. Per allenarti a questo puoi provare ad esercitarti quotidianamente con la respirazione diaframmatica in modo da essere allenato a portarla in parete.
  • Lavora sulla preparazione. In questa fase, analizza la tua arrampicata e le aree in cui puoi migliorare. Vi sono dei dati che dimostrano come la maggior parte degli scalatori utilizza relativamente poco tempo a riflettere sulle proprie aree di miglioramento ma si limita a provare e riprovare senza spazio di riflessione. Un modo per incrementare efficacemente la tua preparazione è semplicemente chiedere un feedback alle persone che ti hanno visto arrampicare su ciò che avrebbero indicato come aree di miglioramento.  Quindi chiedi e ascolta. Non cercare di difendere perché fai quello che fai. Basta ascoltare.
  • Imagery. Usa le tecniche immaginative per costruire o riscrivere gli script mentali per  per creare i movimenti automatici che portano ad un’arrampicata efficiente. Abbina poi questi esercizi mentali con veri e propri giochi motori che vadano a sviluppare abilità specifiche, come un miglior gioco di gambe o movimento dinamico.

“L’abilità di uno scalatore consiste non tanto, o non solo, nel compimento di vie d’arrampicata sempre più difficili, quanto piuttosto nell’intelligenza motoria con cui egli risolve i passaggi di un percorso che non ha mai affrontato. Ciò che fa la differenza è, ancora una volta, l’equilibrio e, in particolare, la capacità di raggiungerlo riuscendo a conciliare due diverse modalità: nella prima si privilegia la ricerca della posizione migliore del baricentro qualunque sia la disposizione degli appigli e degli appoggi utilizzati, nell’altra si preferisce scegliere gli appigli e gli appoggi per conseguire posizioni migliori.
L’arrampicatore esperto è appunto colui che riesce a combinare queste due abilità muovendosi con armonia, mentre il principiante cerca di ricorrere alla forza come risorsa esclusiva” (
Lorenzo Asnaghitratto dalla Tesi di Laurea in Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia Movimenti mindful e arrampicata libera: un’indagine esplorativa sulla mindfulness e sui potenziali benefici psicologici in un campione di scalatori discussa il 10 marzo 2016 presso Università degli Studi Milano – Bicocca)

Per completare questa lettura vi consigliamo un articolo in cui sono riportati alcuni dati estrapolati dallo studio sopra citato, realizzato in collaborazione con il CAI (Club Alpino Italiano) in cui si evidenzia l’importanza delle gestione delle abilità mentali nell’arrampicata. (http://gognablog.com/mindfulness-e-arrampicata/)

Esercitativi e buone prese a tutti!

 

Stress o Depressione Natalizia? Vai a correre!

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Stress o Depressione Natalizia? Vai a correre! Torino sport psicologo dello sport Torino psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport Natale mental training mental coach Depressione Natalizia b-skilled

Stress o Depressione Natalizia? Vai a correre!

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Stress o Depressione Natalizia? Vai a correre! Torino sport psicologo dello sport Torino psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport Natale mental training mental coach Depressione Natalizia b-skilled

Ormai è risaputo, il periodo delle feste di Natale è un periodo che per molte persone si rivela felice, pieno gioia, di buoni propositi e di condivisione di bei momenti con la famiglia e con gli amici.

Non è però così per tutti. Infatti sempre più persone, negli ultimi anni, tendono a subire un peggioramento dell’umore che viene chiamato “Christmas Blue” o “Depressione Natalizia”.

Questo disturbo sta cominciando ad essere talmente diffuso che è stato persino riconosciuto ufficialmente dalla comunità scientifica.

Quali sono le cause?

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Stress o Depressione Natalizia? Vai a correre! Torino sport psicologo dello sport Torino psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport Natale mental training mental coach Depressione Natalizia b-skilled   Le cause possono essere molteplici:

  • Ansia generata dalla difficoltà organizzativa di dover pensare a regali, pranzi, cene e allestimenti di casa
  • Disagio provato dal senso di inadeguatezza nei confronti della felicità delle altre persone, che porta al senso di colpa di dover essere per forza felici
  • Rabbia dovuta dal dover per forza stare insieme a persone che non si sopporta fingendo di dover essere tutti uniti e solidali
  • Tristezza perché si vorrebbe passare il Natale con qualcuno di amato ma che non c’è più, oppure perché si è single e si è bombardati di messaggi di amore e felicità di coppia

Questi sono le maggiori cause della Depressione Natalizia che, secondo le statistiche, colpisce maggiormente le donne.

I sintomi sono spesso chiari: mal di testa, mancanza di appetito, sensi di colpa, ma anche minor capacità di divertirsi e difficoltà di godere dell’affetto di chi si ha vicino, senza contare la stanchezza perenne, sono tra i primi campanellini d’allarme di questo dicembre di ansia e malinconia.

Quindi cosa si può fare?

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Stress o Depressione Natalizia? Vai a correre! Torino sport psicologo dello sport Torino psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport Natale mental training mental coach Depressione Natalizia b-skilled

La prima cosa da fare è non pensare di essere soli. Sembra strano ma è così, infatti il sapere che esistono tante persone al mondo a provare questo abbassamento dell’umore, rende un po’ meno pesante il senso di inadeguatezza verso una festa “felice”.

Non si è obbligati a dover amare il Natale, per questo il consiglio principale è quello di intraprendere attività meno “natalizie” per poter non trascurare quelli che sono i propri bisogni e le proprie passioni.

Da psicologi dello sport, infatti, consigliamo di prendere un momento per svolgere un’attività fisica costante che possa spezzare il vostro incantesimo di Natale.

La corsa, per esempio, ha diversi benefici sul corpo e sulla mente. Da una parte permette di tenersi in forma (e sotto le feste, si sa, male non fa), e, nel frattempo, ha diversi effetti positivi anche sulla mente:

  • Stimola la produzione di endorfine che generano un innalzamento dello stato di umore
  • Rende motivati e sicuri di se al raggiungimento dei propri obiettivi
  • Permette di staccare da tutte le attività quotidiane e senza avere il senso di colpa di “non fare niente”

Ovviamente consigliamo di poter mantenere una buona attività fisica sotto le feste a tutti quanti, non solo a chi le feste proprio non le sopporta! Sarà quindi importante la scelta della musica: mentre i cosiddetti “Grinch” preferiranno canzoni decisamente lontane dal Natale, quelli che invece adorano questo periodo, potranno correre con le compilation natalizie nelle cuffiette e il cappellino di Babbo Natale in testa (sperando che non si incontrino!).

 

Da parte di B-Skilled Buone feste (o buono sport) a tutti quanti!

 

Definizione degli obiettivi

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Definizione degli obiettivi Torino psicologo dello sport Torino obiettivi mental trainer torino mental coach torino mental coach goal setting

GOAL SETTING

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Definizione degli obiettivi Torino psicologo dello sport Torino obiettivi mental trainer torino mental coach torino mental coach goal setting

Quando si parla di sport o anche di azienda, un concetto molto importante per poter raggiungere il risultato che ci si prefissa è un lavoro di goal setting, ovvero di definizione degli obiettivi.

Sovente può succedere infatti che un atleta, una squadra, o un team di lavoro abbiano un obiettivo da raggiungere ma che quest’obiettivo sia poco efficace per mantenere alta la motivazione.

Infatti,  perché un obiettivo sia efficace, deve permettere all’individuo di mantenere alta la motivazione nel cercare di realizzarlo.

Cosa sono gli obiettivi?

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Definizione degli obiettivi Torino psicologo dello sport Torino obiettivi mental trainer torino mental coach torino mental coach goal setting

Gli obiettivi sono ciò che un atleta cerca di raggiungere tramite la propria prestazione.

Sono cessi, infatti a creare motivazione nell’essere umano poiché più l’obiettivo è vissuto come importante, più gli atleti, o chiunque, saranno motivati a fare il massimo per cercare di raggiungerlo! Quando nello sport o nei team di lavoro si vuole lavorare sulla motivazione, quindi, è fondamentale cercare di lavorare sugli obiettivi.

Un buon lavoro di goal setting, infatti, oltre all’influire sulla motivazione dei singoli, influisce anche sulla coesione di un gruppo (sportivo o di lavoro); infatti, quando all’interno di una squadre si riesce a creare un obiettivo comune a tutti i membri,  è più semplice sviluppare unione e coesione nel cercare di raggiungerlo.

Come definire gli obiettivi?

Per aiutarvi nella definizione degli obiettivi, esiste un modello semplice ma efficace da seguire:

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Definizione degli obiettivi Torino psicologo dello sport Torino obiettivi mental trainer torino mental coach torino mental coach goal setting

Il modello SMART:

  • Specific (Specifici): Gli obiettivi devono essere il più specifici possibile. Per capire se abbiamo raggiunto o meno un obiettivo, infatti, è importante che esso sia chiaro (es: “superare il mio record di 3 secondi”) e che non sia troppo generale (es: “l’obiettivo è migliorare la mia prestazione”).
  • Measurable (Misurabili): Legato al concetto di prima, più un obiettivo è misurabile (numerico), più è facile poter capire se, dopo una competizione o una stagione, si è raggiunto o meno l’obiettivo prefissato.
  • Attainable (Accessibili): Per essere efficace è fondamentale che un obiettivo sia accessibile, cioè che, pur quanto sia sfidante, l’atleta o il gruppo possa riuscire a raggiungere. Fissarsi un obiettivo impossibile da realizzare, infatti può portare malumore, perdita di auto-efficacia e frustrazione nell’individuo.
  • Relevant (Rilevante): Come visto prima, l’obiettivo deve essere importante e sfidante per l’atleta; con un obiettivo troppo facile da raggiungere o uno non fondamentale per l’atleta o per il gruppo infatti, è facile che ci sia una perdita di motivazione e un abbassamento del livello di attenzione e concentrazione.
  • Time-Bounded (Legati al tempo): Una caratteristica fondamentale per obiettivi efficaci è la variabile tempo; è importante, infatti, chiarire molto bene le tempistiche in cui si intende raggiungere questi obiettivi. Se l’obiettivo ha una scadenza a lungo termine (per esempio le Olimpiadi sono ogni 4 anni), è importante definire anche gli obiettivi a medio e breve termine cioè obiettivi con tempistiche più vicine che sono da considerare come tappe per poter raggiungere l’obiettivo più importante.

 


Se volete approfondire la tematica legata al goal setting, volete provare a creare i vostri insieme ad uno psicologo dello sport o volete avere informazioni sui nostri percorsi di mental training, scriveteci pure a info@bskilled.it

L’esercizio fisico aiuta a “rimorchiare” di più!

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance L'esercizio fisico aiuta a "rimorchiare" di più! Torino sport psicologia dell'esercizio fisico psicologia dell'attività motoria motivazione benessere aumentare la motivazione allo sport attività motoria attività fisica

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance L'esercizio fisico aiuta a "rimorchiare" di più! Torino sport psicologia dell'esercizio fisico psicologia dell'attività motoria motivazione benessere aumentare la motivazione allo sport attività motoria attività fisica   Siate sinceri, chi di voi leggendo il titolo non ha pensato (anche solo ridacchiando): “Se è vero, domani mi iscrivo in palestra!”.

Ebbene in realtà questo titolo un po’ provocatorio ha un suo fondo di verità e vi spiegheremo perché tra poco. Questo discorso ci permette di toccare alcuni punti fondamentali su cui si basano gli studi della psicologia dell’esercizio fisico e che riteniamo siano fondamentali per chiunque voglia iniziare a praticare esercizio fisico per migliorare il proprio benessere personale.Una indagine ISTAT del 2014, intitolata “Aspetti della vita quotidiana”, ha voluto indagare la propensione del popolo italiano alla pratica sportiva. Ai fini dell’indagine si considera ogni tipo di pratica sportiva, svolta sia continuativamente sia saltuariamente, in modo agonistico o amatoriale, in forma organizzata o occasionale, purché esercitata nel tempo libero e con la sola esclusione di quella esercitata da atleti, insegnanti, allenatori per motivi lavorativi e professionali. Questa indagine ha evidenziato che, a partire dai 3 anni di età, solo 1 persona su 3 pratica attività sportiva (per come l’abbiamo descritta poc’anzi). Inoltre l’indagine ha riportato che circa il 42% degli italiani non pratica nessun tipo di attività fisica, sono cioè considerabili “sedentari”.

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance L'esercizio fisico aiuta a "rimorchiare" di più! Torino sport psicologia dell'esercizio fisico psicologia dell'attività motoria motivazione benessere aumentare la motivazione allo sport attività motoria attività fisica   Perché succede questo? Il fatto che fare attività motoria faccia bene è oramai abbastanza noto, anche se merita sempre ricordare a tutti gli innumerevoli effetti benefici della pratica fisica (tra cui un aumento della capacità di “rimorchio”… tra poco di arriviamo). Tuttavia spesso quello che manca alle persone che non praticano esercizio fisico non è un problema di conoscenza ma un problema di psicologia. Se non riusciamo a trovare le motivazioni giuste per praticare sport, semplicemente ci adageremo sulle giustificazioni per cui non possiamo praticarlo (non ho tempo, è costoso, è faticoso, non mi diverte, ecc). Le motivazioni “giuste” possiamo cercarle soltanto dentro di noi: l’informazione ci aiuta a capire che ci sono dei validi motivi ma solo noi possiamo dare un peso a questi aspetti. Mi spiego meglio: possono anche dirmi che “fare attività fisica regolare migliora le funzioni cardiocircolatorie” ma se questo aspetto, per me, è meno importante del “ho già così poco tempo libero dal lavoro che non saprei proprio come fare!”, ecco che il processo si blocca in partenza.
Gli psicologi dell’esercizio fisico si occupano di questi aspetti e aiutano le persone a trovare la strada giusta per poter praticare attività motoria, lavorando su questi meccanismi mentali che ci bloccano e ci tolgono la possibilità di godere a pieno della nostra salute, sia fisica che mentale. Tornando al nostro esempio di prima: se per una persona ha il problema di avere poco tempo libero dovremmo aiutarla a capire quanto tempo il “non” fare attività motoria gli sottrae! Pensiamo ad esempio a quante ore spendiamo dai medici per fare accertamenti o terapie per problemi legati ad una mancanza di attività fisica regolare? Quanto del nostro tempo libero perdiamo a causa dello stress che accumuliamo al lavoro e che potrebbe essere semplicemente gestito con una sana attività motoria? E se lasciamo che il nostro fisico si ammali gravemente quanto tempo in meno avremmo da dedicare alle cose che tanto amiamo fare? E così via…

Per poter praticare con costanza e regolarità qualsiasi attività fisica (e non stiamo parlando di correre la maratona ma di praticare 30 minuti di attività motoria quotidiana!) c’è bisogno di trovare la giusta motivazione e, se non siamo in grado di farlo da soli, ci sono dei professionisti che ci possono aiutare a farlo insieme a noi!

TornaBSKILLED - Psicologia dello sport e della performance L'esercizio fisico aiuta a "rimorchiare" di più! Torino sport psicologia dell'esercizio fisico psicologia dell'attività motoria motivazione benessere aumentare la motivazione allo sport attività motoria attività fisica   ndo ad una delle motivazioni che potrebbero essere interessanti per molti, sveliamo il fondo di verità che c’è dietro il titolo con cui abbiamo aperto questo post.
Molte ricerche hanno dimostrato che la pratica costante e regolare di attività fisica aiuta a migliorare l’immagine che ognuno di noi ha di se stesso. In parte, può essere legato al fatto di iniziare ad osservare maggiore tonicità e/o perdita di massa grassa; dall’altra perché l’attività motoria ha anche un effetto positivo sul nostro tono dell’umore. Inoltre, metterci in contatto con il nostro corpo, iniziare a conoscerlo meglio aumenta la fiducia che abbiamo in noi stessi e ci rende più disponibili al contatto sociale. In ultimo, si è visto, che una pratica regolare di attività fisica migliora anche le performance sessuali degli individui.

Quindi… una immagine positiva di sé + maggior fiducia in sé stessi + più positività nell’affrontare la vita + maggior prestanza fisica e anche sessuale… dovrebbe sicuramente essere un buon inizio per conquistare il cuore del nostro o della nostra “corteggiata”!!!!

Nella stanza del mental coach

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti   Vi siete mai chiesti cosa fa veramente un mental coach per sportivi? Ma soprattutto, sapete veramente chi è un mental coach?

In questo libro avrete la possibilità di entrare in uno studio di psicologia dello sport, sedervi accanto ai nostri mental trainer e leggere 11 storie di sport accomunate da un comune denominatore: l’utilizzo della psicologia dello sport per raggiungere un obiettivo.

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti   Potrete conoscere la squadra perfetta dove però i problemi di comunicazione riducevano le performance oppure andare in pista con Beatrice, la nostra “mamma sportiva” alle prese con l’ansia da prestazione per il proprio figlio. Vi immaginerete cosa si prova a fare un salto nel vuoto e ricordarsi solo il rumore dello schianto a terra a poche settimane dalle Olimpiadi ed entrerete nelle dinamiche di uno sport di coppia quando la coppia scoppia! E molto altro ancora, ma non vogliamo rovinarvi il gusto di entrare nel mondo della psicologia dello sport e scoprire in quanti ambiti il mental coaching può servire.

Non mancherà la giusta dose di ironia perché in fondo gli psicologi dello sport sembrano “noiosi”,  ma non lo sono così tanto!
Tra il serio e lo scherzoso troverete consigli per il vostro benessere sportivo, capirete quali tecniche si usano per migliorare la prestazione mentale di uno sportivo e soprattutto, capirete, quali vantaggi ha l’affidarsi ad una persona competente e qualificata a fare questo tipo di lavoro!
Vi aspettiamo nella nostra stanza, a presto!

Il libro è disponibile su:

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti
BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti   BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti   BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti   BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nella stanza del mental coach Torino psicologo dello sport psicologia sportiva psicologia dello sport a Torino psicologia dello sport prestazione obiettivi mental training mental coach coaching atleti

5 modi per migliorare la vostra autoefficacia nello sport

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance 5 modi per migliorare la vostra autoefficacia nello sport Torino self-efficacy psicologia dello sport mental training dinamiche mentali autoefficacia

5 modi per migliorare la vostra autoefficacia nello sport.

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance 5 modi per migliorare la vostra autoefficacia nello sport Torino self-efficacy psicologia dello sport mental training dinamiche mentali autoefficacia

Una delle dinamiche mentali più potenti che sostengono la pratica sportiva è sicuramente l’autoefficacia. Spesso confusa con il termine “autostima”, l’autoefficacia è la fiducia nelle proprie capacità all’interno di una situazione specifica. L’autostima invece è una visione più allargata della propria personalità e, nello sport soprattutto, ha un’influenza minore sulla performance rispetto all’autoefficacia.

Per esempio io posso considerarmi una persona simpatica e con facilità di apprendimento ma se vengo messo per la prima volta su di un campo da golf con una mazza in mano senza mai essermi allenato, la mia autoefficacia sarà bassissima. Viceversa uno può anche considerarsi una persona timida ed introversa ma se è capace di mettere 10 canestri su 10, la sua autoefficacia nei tiri liberi sarà sicuramente alta e utile a raggiungere il proprio scopo e la propria performance.

Potete anche essere il più forte, più alto, più potente atleta sul campo, ma se non siete sicuri nelle vostre abilità, avrete problemi a raggiungere i vostri obiettivi. Lavorate per migliorare la vostra autoefficacia, mettendo lo stesso impegno che dedicate allo sviluppo delle vostre competenze specifiche per lo sport, e vi accorgerete di quanto migliorerà la qualità della prestazione.

Se non sapete come farlo, ecco 5 consigli della psicologia dello sport per poter migliorare la vostra autoefficacia:

 

Rendetevi conto che l’autoefficacia oscilla

La fiducia in se stessi, per tutti gli atleti (anche di alto livello) ha sempre dei momenti più alti e dei momenti più bassi ma non è mai o tutto o niente. E ‘uno stato d’animo che oscilla, quindi non vi abbattete se la vostra autoefficacia, in un certo momento, è bassa. Basta concentrarsi sul proprio miglioramento, e la vostra fiducia farà altrettanto.

 

Concentrarsi su se stessi, non sugli altri

Invece di pensare a quello che stanno facendo i vostri avversari o i vostri compagni di squadra, concentratevi esclusivamente sulla vostra prestazione e su come potrete migliorare. Questa è la vostra carriera da atleta, quindi è necessario concentrarsi su ciò che è necessario fare per migliorare ogni giorno. E quando si migliora come atleta, l’autoefficacia aumenta di conseguenza.

 

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance 5 modi per migliorare la vostra autoefficacia nello sport Torino self-efficacy psicologia dello sport mental training dinamiche mentali autoefficacia

Focalizzatevi sul successo giorno per giorno

Quando si ha un successo in allenamento, in partita, o anche soltanto in palestra (basta anche il più piccolo dei successi), la vostra autoefficacia aumenta. Se la vostra fiducia in voi stessi aumenta di una piccola quantità ogni giorno, provate a pensare a come sarà il vostro livello fra un mese, fra sei mesi o fra un anno!

 

Concentratevi sulla prestazione, non sui risultati

Quando ci si concentra su come migliorare il proprio rendimento si diventa più fiduciosi perché ci si concentra su qualcosa di cui si ha il controllo. Non è possibile, ovviamente, controllare i risultati, infatti potrete anche fare la vostra migliore prestazione in assoluto ma se l’avversario è più forte, il risultato sarà negativo. Se siete concentrati sulla prestazione, rimarrete magari delusi dopo una sconfitta, ma la vostra autoefficacia rimarrà alta, perché saprete di aver dato il vostro meglio.

 

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance 5 modi per migliorare la vostra autoefficacia nello sport Torino self-efficacy psicologia dello sport mental training dinamiche mentali autoefficacia Concentratevi su ciò che state facendo

Imparare dai propri errori è importante, ma non ha senso rimanere a rimuginare su di essi.

Se passate troppo tempo a pensare ai vostri errori, la vostra autoefficacia andrà a scemare. Se comincerete a concentrarvi sulla vostra prestazione e su come poter dare il vostro meglio, senza focalizzarvi eccessivamente sugli errori, aumenterà la fiducia che provate verso voi stessi.

 

—–

Questi consigli su come aumentare l’autoefficacia sono utili per ogni sportivo che pratica sport di qualsiasi livello. Se però sentite di aver bisogno di un percorso professionale per aumentare la vostra autoefficacia contattaci pure a info@bskilled.it e avrai a disposizione un team di psicologi dello sport a tua disposizione!

Allenare l’attenzione nello Sport: la Zona

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Allenare l'attenzione nello Sport: la Zona zona Torino psicologo dello sport Torino psicologia dello sport mental training bskilled attenzione

Allenare l’attenzione nello Sport: la Zona

Una tra le diverse richieste che vengono poste allo Psicologo dello Sport è come si può lavorare sull’attenzione. Noi di B-Skilled utilizziamo un modello molto interessante che si può applicare all’allenamento dell’attenzione che è quello di Zona:

Il concetto di Zona si basa sugli studi di Easterbrook (1959), di Watchel (1967) e Bacon (1974) sull’attenzione.

In un qualsiasi momento, l’attenzione della persona può trovarsi a fluttuare su due cuntinuum: il primo continuum è quello che va da un’attenzione esterna ad una interna, mentre il secondo continuum passa da un’attenzione ampia ad una ristretta.

Per semplificare: durante qualsiasi momento della giornata, la nostra attenzione potrà essere più centrata verso l’esterno (un lavoro manuale, per esempio) o verso l’interno (focalizzarsi su di un ricordo) e, nello stesso tempo sarà più ampia, quindi focalizzata su una molteplicità di stimoli, o più ristretta, in cui vengono presi in considerazione pochi stimoli, anche uno solo.

Partendo da questo si può schematizzare l’attenzione di una persona all’interno di questo grafico:

 

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Allenare l'attenzione nello Sport: la Zona zona Torino psicologo dello sport Torino psicologia dello sport mental training bskilled attenzione
Grafico della Zona nell’attenzione

Anche se questo vale per ogni ambito della vita di una persona, vediamo come poterlo sfruttare al meglio nello sport.

Il quadrante ampio-esterno, per esempio è attivo quando:

1) L’attenzione dell’ atleta si trova al di fuori del suo corpo (sul campo per esempio)

2) L’atleta è concentrato su numerosi stimoli (Condizioni del campo, condizioni climatiche, vento, tifosi, ecc…).

Questo quadrante serve quando è utile una valutazione della situazione in generale (Campo da gara, avversario, clima…).

Il quadrante stretto-esterno è utilizzato quando:

1) L’attenzione dell’ atleta si trova al di fuori del suo corpo (sull’avversario, per esempio)

2) L’atleta è concentrato su di un numero limitato di stimoli (ad esempio la posizione di una parte del corpo durante uno specifico gesto).

Quando la situazione necessita di una reazione immediata, come ad esempio uno scambio a tennis, in cui il focus sarà dedicato principalmente alla pallina, l’attenzione dell’atleta deve trovarsi all’interno di questo quadrante.

Il quadrante ampio-interno viene utilizzato quando:

1) L’attenzione dell’ atleta si trova dentro il suo corpo

2) L’atleta sta esaminando un gran numero di stimoli.

Un esempio potrebbe essere l’analisi di una strategia da utilizzare durante la gara o, per esempio, il giocatore che sceglie il lato in cui tirare un rigore in base alla conoscenza che ha nei riguardi del portiere.

Il quadrante interno-stretto, infine, viene utilizzato quando:

1) L’attenzione dell’ atleta si trova dentro il suo corpo

2) L’atleta sta esaminando un numero limitato di stimoli.

Un esempio adeguato per questo quadrante è quando un atleta utilizza alcuni strumenti della psicologia dello sport come l’imagery di un gesto o il self talk.

Riassumendo, si può dire che il quadrante ampio-esterno è utilizzato in una fase di valutazione generale, il quadrante stretto-esterno è utilizzato in fase di azione/reazione, il quadrante ampio-interno è utile per l’analisi della situazione mentre quello stretto-interno serve per concentrarsi meglio sul compito e sulla propria emotività.

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Allenare l'attenzione nello Sport: la Zona zona Torino psicologo dello sport Torino psicologia dello sport mental training bskilled attenzione

Ora, dopo aver visto come funziona l’attenzione, per uno sportivo è fondamentale capire il concetto di Zona:

Lo stato di zona è molto simile allo stato di flow descritto da Jackson e Csikszentmihalyi (1999), infatti Nideffer (1992) lo definisce come “… quando si è completamente immersi in un focus di attenzione interno o esterno…” (Nideffer, 1992).

Questa immersione (o assorbimento) di attenzione si riferisce alla capacità dell’atleta di trascorrere più tempo possibile all’interno del quadrante corretto di attenzione.

Più tempo si trascorre all’interno del quadrante specifico, più è probabile che si riescano a cogliere degli stimoli che normalmente sono all’esterno del normale focus attentivo.

L’atleta che ha la capacità di essere focalizzato all’interno del quadrante giusto, avrà la capacità di essere più reattivo agli stimoli esterni, più capace di valutare l’ambiente e l’avversario e, soprattutto sarà meno disturbato da stimoli distraenti.

E’ molto importante quindi allenare l’atleta a passare agevolmente da un quadrante attentivo all’altro in base al tipo di situazione richiesta, però è anche fondamentale l’allenamento a rimanere il più possibile all’interno di un focus attentivo.

Un tennista che, durante uno scambio lungo riesce a rimanere concentrato solo sulla pallina e sui movimenti dell’avversario (stretto-esterno) senza farsi distrarre da pubblico o condizioni climatiche (largo esterno) o da pensieri distraenti (stretto-interno) sarà in grado di essere nella Zona e di avere quindi una prestazione ottimale.

Ora la domanda più ovvia da fare è, naturalmente, come ci si può allenare a rimanere nella Zona.

Gli strumenti per allenare l’attenzione sono molteplici e, soprattutto sono diversi in base al tipo di sport e di allenamento su cui si intende lavorare, però una delle prime cose che si possono fare per iniziare a lavorare sull’attenzione è, durante l’allenamento capire quale tipo di quadrante richiede la situazione e su quale quadrante ci si trova in un determinato momento.

 

Articolo tradotto e tratto da:

Krug, M. (1999) Playing tennis in the zone. Athletic Insight. The Online Journal of Sport Psychology

Bibliografia:

Bacon, S. (1974). Arousal and the range of cue utilization. Journal of Experimental Psychology, 102, 81-87.

Easterbrook, J. A. (1959). The effect of cue utilization and the organization of behavior. Psychological Review, 78(3), 229-248.

Jackson, S. & Csikszentmihalyi, M. (1999). Flow in Sports: The Keys to Optimal Experiences and Performances. Champaign, IL; Human Kinetics.

Nideffer, R. M. (1976). Test of Attentional and Interpersonal Style. Journal of Personality and Social Psychology, 34(3), 394-404.

Nideffer, R. (1992). Psyched to Win. Champaign, IL; Leisure Press.

Nideffer, R., Bond, J., Cei, A. & Manili, U. (1999). Building A Psychological Profile of Olympic Medalists and World Champions. [On-line]. HYPERLINK http://www.enhanced-performance.com www.enhanced-performance.com Article 17.

Watchel, P. (1967). Conceptions of broad and narrow attention. Psychological Bulletin, 68, 417-429.

La trappola dell’esperto in psicologia dello sport

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance La trappola dell'esperto in psicologia dello sport Torino psicologo dello sport Torino psicologo dello sport psicologia dello sport psicologia dello psort psicologia

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance La trappola dell'esperto in psicologia dello sport Torino psicologo dello sport Torino psicologo dello sport psicologia dello sport psicologia dello psort psicologia   Torniamo nuovamente ad affrontare un tema banale ma, evidentemente, non scontato: chi può esercitare in qualità di psicologo dello sport? La risposta è quanto mai semplice, quasi tautologica: può esercitare come psicologo sportivo uno psicologo, regolarmente iscritto all’albo professionale!!!

E c’era bisogno di scrivere un articolo?
Ebbene si, perché giusto qualche giorno fa l’ennesimo atleta si presenta nel nostro studio e ci dice (dopo diverse sessioni di lavoro svolte insieme):

“Il mio allenatore è convinto che avrei bisogno di lavorare sulla mia autostima, e mi ha proposto queste tecniche…!”
“Ah interessante! Allora anche lui ha studiato psicologia?”
“No, ma sta facendo un corso per diventare esperto in psicologia dello sport!”

A questo punto, un brivido corre lungo la nostra schiena per due motivi: il primo è che quanto è stato consigliato all’atleta è stato un estratto di psicologia spicciola che ha messo quanto mai in confusione il ragazzo e la seconda è perché… non esiste un corso per diventare psicologo dello sport!!! O meglio esiste, ma è molto diverso da quello che normalmente si immagina seguendo la logica molto italica del “in fondo siamo tutti un po’ psicologi!”.

Facciamo un salto indietro nel tempo e arriviamo al lontano 1989 quando venne emanata la legge 56/89 per istituire una professione regolamentata: lo psicologo!
In questo testo vengono elencati i requisiti per poter esercitare in qualità di psicologo e vengono poste le basi a tutela della popolazione che da quel giorno non ha più dovuto barcamenarsi in un mondo fatto di confusione, dove c’era poca differenza tra stregone, consigliere, prete o un professionista pagato per fare quattro chiacchiere! A distanza di quasi 30 anni però vediamo ogni giorno spuntare gli “esperti in psicologia” e quindi ci sembra doveroso fare chiarezza per aiutare le persone a non cadere nelle “trappole degli esperti”!

Esperto: dal vocabolario, colui che ha acquisito una lunga pratica in un determinato campo o conosce bene un determinato argomento di studio o lavoro. Sul concetto di “lunga pratica” ci si pone la domanda: quanto lunga? In uno studio del 1993 del professor Anders Ericsson dell’università del Colorado (The role of deliberate practice in the acquisition of expert performance), venne proposta una teoria secondo la quale per diventare esperto in una disciplina si necessitano almeno di 10.000 ore di pratica! Seguendo questo ragionamento viene difficile pensare che basti un corso di un centinaio di ore (a volte anche meno!) per diventare esperto in psicologia dello sport. Se però, alla formazione specifica in psicologia dello sport, sommiamo le ore investite nel percorso di laurea in psicologia con annessi tirocini formativi, ecco che i numeri si avvicinano vertiginosamente. Ha dunque un senso logico, per uno psicologo che dopo la laurea ha seguito un percorso formativo specifico in psicologia dello sport, definirsi esperto.
Ed ecco un altro annoso dilemma: “Ok, io non ho fatto psicologia, però ho seguito numerosi corsi, ho letto tantissimi libri e lavoro nel mondo dello sport da anni… anche il mio monte ore mi consente di definirmi esperto!!!“. Probabilmente si… ma essere esperti in questo settore, in Italia, allo stato attuale delle cose, non ti consente di poter operare come se fossi uno psicologo dello sportRitorniamo a dire che, per legge, gli unici che possono operare come psicologi dello sport sono gli psicologi.

E subito inizia il contraddittorio…
All’estero non funziona così…” “Ok, ma siamo in Italia, nel bene e nel male se vogliamo vivere in questo paese ci adattiamo alle regole del nostro stato. Anche noi se avessimo studiato in Inghilterra non avremmo investito 4 anni in una scuola di specializzazione per poter esercitare come psicoterapeuti… all’estero funziona così!”.

Avere un laurea non garantisce di saper lavorare bene in questo settore!” “Verissimo, un pezzo di carta non è sinonimo di garanzia. Per questo motivo noi psicologi facciamo parte di un ordine professionale che vigila sulle nostre azioni e verso il quale si può rivolgere l’utente insoddisfatto del nostro operato per segnalare eventuali mancanze, omissioni, violazioni del codice deontologico o abusi. Nelle professioni non regolamentate questo supporto di tutela al cliente non c’è. Se vai da uno stregone e questo ti crea dei danni, puoi soltanto lamentarti con te stesso perché nessuno lo convocherà mai davanti ad una commissione disciplinare a giustificare il suo operato con il rischio di radiazione e cessazione della sua attività professionale. Quindi è vero che la laurea non garantisce necessariamente un buon servizio ma c’è una istituzione (l’Ordine professionale a cui è necessario appartenere per poter esercitare!) che svolge questa funzione per noi!”

E possiamo continuare per ore…

La lotta per la tutela della professione ha come scopo primario il rispetto degli utenti che, non per colpa loro, vivono perennemente nella confusione e nell’ignoranza (nel senso etimologico del termine!). Ancora oggi, nel 2015, molte persone non conoscono la differenza tra uno psicologo e uno psichiatra! Figuriamoci se si  riesce a cogliere la sottile differenza tra uno psicologo dello sport e un esperto in psicologia dello sport!

Così fioriscono le gabole linguistiche per aggirare il problema. Nascono schiere di “specializzati in psicologia dello sport”, ma l’unica specializzazione riconosciuta a livello ministeriale in Italia è la specializzazione in psicoterapia. Quindi gli “specializzati” in psicologia dello sport non esistono!
Potremmo parlare allora di “formati in psicologia dello sport”: coloro che hanno seguito un corso di formazione. Così saremmo nel giusto ma “formato in…” ha poco appeal nel marketing! E comunque, ribadiamo per la terza volta: avere una formazione in psicologia dello sport non consente di operare come psicologo dello sport se non si è uno psicologo regolarmente iscritto all’albo professionale!!
Allora togliamoci dall’impiccio di usare la parola psicologia e usiamo dei sinonimi: “Esperti di mental training… esperti di mental coaching… esperti di mind performances…” In questi anni ci siamo divertiti a raccogliere le varie diciture (alcune sono veramente da premiare per la loro creatività!) ma vi facciamo una domanda: voi andreste a farvi curare da un “esperto di performances ginecologiche” che non sia un medico specializzato in ginecologia???

E allora diventiamo esperti di tecniche così nessuno ci può dire nulla… Noi siamo “Esperti in tecniche di ottimizzazione della prestazione...” Voilà, non si parla di psicologia, non si parla di mente… siamo a posto!
Lo sappiamo… siamo noiosi… ma dobbiamo ricordare che esistono gli “atti tipici di una professione“, che consistono in “una competenza esecutiva e contestualizzante di una technicality disciplinare, che avviene alla luce di una specifica e dimostrabile capacità di inquadramento scientifico- concettuale, e di un’approfondita comprensione teorica dei processi strutturali che rilevano per la situazione di merito, con uno scopo professionale esplicito. Questo lo distingue da un’azione “generica” (http://www.psy.it/allegati/promozione-e-prevenzione.pdf).  E in Italia, coloro che eseguono atti tipici di una professione senza avere i requisiti per poter esercitare quella professione possono rientrare in una situazione di “abuso professionale”.
Non sentirete mai qualcuno definirsi: “Io non sono un medico, ma sono un esperto in gastroscopie!”. Perchè l’esecuzione di una gastroscopia è un atto tipico della professione medica!!

In conclusione, perché abbiamo scritto tutto questo? Per gettare un sassolino nel mare e cercare di fare chiarezza verso la popolazione che ci legge, per aiutare gli utenti a scegliere il supporto migliore per le loro esigenze. Attraverso la conoscenza possiamo riconoscere le possibili “trappole” che ci vengono poste e possiamo decidere con consapevolezza a chi affidare la nostra salute e la nostra mente.
Se dopo che sappiamo tutto questo, consapevoli dei rischi che corriamo, decidiamo lo stesso di andare a farci curare i denti “dall’esperto” del paese, che non ha la laurea ma ne ha curati tanti”… questo è libero arbitrio e come tale va rispettato!

Servizio di Psicologia dello Sport a Torino

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Servizio di Psicologia dello Sport a Torino Torino servizio di psicologia dello sport psicologo dello sport a Torino psicologo dello sport psicologia dello sport a Torino psicologia dell'esercizio fisico

Stai cercando un servizio di psicologia dello sport a Torino o provincia?
Sei nel posto giusto! I professionisti del team di B-Skilled si occupano, da più di 10 anni, di psicologia dello sport e dell’esercizio fisico. Lavoriamo in tutti gli ambiti dello sport, dal settore amatoriale fino al professionismo, in diverse discipline sportive. Realizziamo progetti e interventi finalizzati alla promozione dello sport come strumento di salute e benessere.

Per conoscere meglio la nostra attività, puoi navigare sul nostro sito nella sezione sport dove troverai articoli e proposte differenziate per esigenze specifiche.

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Servizio di Psicologia dello Sport a Torino Torino servizio di psicologia dello sport psicologo dello sport a Torino psicologo dello sport psicologia dello sport a Torino psicologia dell'esercizio fisico   Se stai cercando qualcosa di specifico e personalizzato non esitare a contattarci senza impegno e esporci la tua situazione. Valuteremo insieme come esserti di aiuto!

Se sei preoccupato del “ma quanto mi costa??” dai uno sguardo al nostro negozio on-line e scoprirai che sarà un “ma quanto mi è costato non chiamare prima!!

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Servizio di Psicologia dello Sport a Torino Torino servizio di psicologia dello sport psicologo dello sport a Torino psicologo dello sport psicologia dello sport a Torino psicologia dell'esercizio fisico

Nord Tennis Sport Club Torino

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nord Tennis Sport Club Torino Torino tennis psicologia sportiva psicologia dello sport agonismo

Da giugno 2015 è attiva la convenzione tra il team di B-Skilled e il Nord Tennis Sport Club Torino, associazione sportiva dilettantistica, che promuove corsi di tennis per ogni età e livello.

Il settore agonistico del Nord Tennis è in pieno sviluppo e, soprattutto negli ultimi anni, sta iniziando a regalare ai giovani atleti e ai rispettivi allenatori numerose soddisfazioni.

Il connubio Psicologia dello sport e tennis è da sempre stato vincente, come dimostrato da numerosi professionisti di ogni livello.

Per conoscere l’attività del Nord Tennis Sport Club Torino visita il sito o la pagina Facebook.

 

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance Nord Tennis Sport Club Torino Torino tennis psicologia sportiva psicologia dello sport agonismo