4 Consigli per gestire la rabbia negli sport di squadra

4 Consigli per gestire la rabbia negli sport di squadra:

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance 4 Consigli per gestire la rabbia negli sport di squadra squadra rabbia psicologo sport torino psicologia dello sport torino psicologia dello sport squadra psicologia dello sport bskilled aggressività

Qualsiasi atleta di sport di squadra avrà sicuramente avuto a che fare con compagni di squadra stanno giocando male, avversari provocatori in maniera fastidiosa, allenatori che urlano contro e gesti atletici che proprio non riescono. Tutte queste situazioni sono accumunate da una sensazione di rabbia che rischia, ovviamente, di influenzare negativamente sulla propria prestazione.

Cosa si può fare quindi quando ci si trova in queste situazioni? Urlare in faccia ai propri compagni? Dare una gomitata all’avversario? Mandare a quel paese il mister o avere delle reazioni di rabbia contro se stessi? Evidentemente queste non sono strategie funzionali per mantenere alta la propria performance!

Una reazione negativa, infatti, può portare a una rottura nel rapporto tra l’atleta e gli altri giocatori della squadra con conseguenze pessime nell’equilibrio della squadra.

Una reazione positiva, invece, può ispirare l’atleta e tutto il team a dare il massimo per il migliorare la propria performance e quella di tutta la squadra.

Anche se esistono dei percorsi adatti per la gestione della rabbia insieme ad uno psicologo dello sport, cominciate a seguire questi 4 consigli per cercare di controllare le vostre reazioni e dare sempre il 100%.

1) Cercate di incanalare la vostra energia.

Noi tutti abbiamo lasciato che la nostra rabbia prendesse il meglio di noi e rovinasse le nostre performance.

Si può, invece, cercare di trasformare la rabbia in energia positiva per dare un “boost” alla propria prestazione. Come afferma lo psicologo dello sport Dr. John F. Murray, “La rabbia è un’emozione che è causata da una scarica dal sistema limbico.” Per chi non lo conoscesse, il sistema limbico è una parte del cervello che controlla le emozioni e i comportamenti. La rabbia è quindi uno scarico di energia che può essere utilizzata, invece, per dare il massimo.

Quindi, prima di fare qualsiasi cosa irrazionale, provare ad “ascoltare” la vostra rabbia e il vostro corpo così da incanalare l’energia dove vi serve di più dandoti un’iniezione di fiducia che può farti correre più veloce e giocare ancora meglio.

2) Impara a leggere il tuo avversario.

Esattamente come le altre emozioni, anche la rabbia può essere riconosciuta in se stessi o negli altri. Anche il tuo avversario quando si arrabbia peggiora la propria performance, quindi magari quando vi provoca è perché non sa come gestire la propria frustrazione. Se imparate a leggere la rabbia nel vostro avversario, saprete come poterne approfittare sfruttando i suoi punti deboli.

3) Comunicate con i vostri compagni di squadra e con l’allenatore.

BSKILLED - Psicologia dello sport e della performance 4 Consigli per gestire la rabbia negli sport di squadra squadra rabbia psicologo sport torino psicologia dello sport torino psicologia dello sport squadra psicologia dello sport bskilled aggressività   Quando si tengono le cose chiuse in una pentola a pressione, queste continuano a ribollire fino a quando non la fanno esplodere. Anche una parola sbagliata o qualcosa di poco conto si può trasformare istantaneamente in urla o sguardi molto significativi nei confronti dei vostri compagni. Se pensi che uno dei tuoi compagni di squadra abbia bisogno, per esempio, di impegnarsi di più nel gioco, o di commettere meno errori o smettere di commettere falli, trova il momento giusto per dirglielo (una pausa, per esempio) ma è fondamentale che venga utilizzata l’assertività! Avvicinati con calma e, in maniera tranquilla spiega quali sono le cose che dovrebbe migliorare nella sua partita, ma senza aggredirlo. Questo può tranquillizzare tutta la squadra anche nei momenti più difficili.

4) Concentrati sulla prossima giocata!

Non soffermarti sul passato, tutti fanno errori perchè nemmeno i migliori giocatori professionisti giocano un’intera partita senza sbagliare un passaggio o una giocata.

Se qualche gesto non ti è venuto concentrati su quello che sarà il prossimo e pensa di volerti migliorare sempre di più. Non lasciare che i tuoi errori rovinino la tua prestazione.

 

Se vuoi essere un grande atleta, imparare come usare questi suggerimenti, e prova a trasferirli nel tuo gioco. Rabbia, frustrazione e altre emozioni negative emozioni possono prendere il controllo delle vostre prestazioni, ma la vera sfida è quella di non permetterglielo!

Tutti gli atleti devono imparare a superare gli errori e andare avanti avere davvero successo.

 

 ——————–

Chiaramente questi quattro consigli possono aiutarti a gestire la rabbia ma non possono essere efficaci come un percorso di training con uno psicologo dello sport.

Se sei di Torino o del Piemonte ti pensi di aver bisogno di un training per la rabbia o per l’assertività, contattaci pure a info@bskilled.it!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: